Andrew Garfield torna a parlare di The Amazing Spider-Man

A poco più di un mese dalla sua uscita, Andrew Garfield è tornato a parlare di The Amazing Spider-Man in una nuova intervista:

Quando guardi alla vita di Peter Parker…[…] E’ un insieme di circostanze serie in cui ci si ritrova dentro. Se guardi all’idea di essere morso da un ragno radioattivo, e cosa questo significa per un ragazzo di 17 anni che sta passando l’adolescenza, e il tentativo di scoprire la verità sull’abbandono del padre…E innamorarsi per la prima volta, e poi scopre una gigantesca lucertola…E’ troppo per chiunque, pensate per un ragazzo di 17 anni. 

Per questo Garfield spiega che Peter ha bisogno di fare battute:

Ha bisogno di ridere, altrimenti dovrebbe piangere tutto il tempo.

L’attore ha poi spiegato di identificarsi con il supereroe della Marvel come i tanti milioni di fans là fuori:

E’ un eroe umano che combatte tutte le lotte che anche noi abbiamo combattuto, soprattutto le persone deboli che vorrebbero avere più poteri di quanti ne sentano dentro di loro. Penso che sia stimolante, un personaggio che simboleggia la bontà…E quanto è difficile essere buoni, ma ne vale la pena.

Garfield ha poi parlato di aver mandato al regista Marc Webb, durante i provini, una sua foto di quando aveva tre anni con il costume del supereroe:

Penso che sia l’unico motivo per cui io abbia ottenuto la parte. Penso che abbia detto “Oddio, questo bimbo è carino. Devo dare la parte a quel bimbo”. Perchè credo che nessuno abbia mandato una sua foto di quando aveva 3 anni alla produzione… 

Il problema del costume è stato risolto da Garfield studiando i movimenti degli atleti:

Sei in una tuta di spandex, che nella realtà fa schifo. E’ un duro lavoro. Volevo, dunque, un senso di libertà, fa parte del travestirsi. Ti fornisce l’anonimato e quindi ti dà la libertà di sentirti sexy dentro il costume…Non volevo sentirmi a disagio e come se mi stessi aggiustando il costume tutto il tempo. Se fosse reale ovvero se il mio DNA venisse mescolato a quello di un vero e proprio ragno, allora perchè non portare veramente la fisicità di un ragno? La leggerezza, l’immobilità, la pazienza e come cambia un ragazzo di 17 anni. 

The Amazing Spider-Man è il reboot dedicato all’arrampicamuri della Marvel. Diretto da Marc Webb ([500] Giorni Insieme), questo nuovo inizio vede Peter Parker (Andrew Garfield) morso dal ragno che gli darà i poteri e lo metterà contro il suo mentore, Curt Connors (Rhys Ifans), tramutatosi nel letale Lizard. Esce a luglio 2012.

Articolo a cura di Fabioisanhero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...