Lo stuntman Rick English parla di Ghost Rider: Spirito di Vendetta e Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno

In una lunga intervista a CBM, lo stuntman Rick English parla della sua esperienza sui set dei film Ghost Rider: Spirito di Vendetta e Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno :

Che lavoro comporta, essere la controfigura di Nicolas Cage nel film Ghost Rider – Spirito di Vendetta ?

Ero al settimo cielo quando ho ricevuto la chiamata per il film. Non mi interessa quello che alcune persone dicono di altri. Mi è piaciuto molto il primo film. Non conoscevo il personaggio del fumetto così non avevo idee preconcette su come il film sarebbe dovuto essere. Ho pensato che fosse un buon film di intrattenimento su un tizio in moto con la testa in fiamme … Al momento della preparazione al nuovo film ho passato un sacco di tempo sulla moto, valutando cosa far fare al personaggio e cercando i limiti a quello che poteva fare. Abbiamo anche cominciato a mettere insieme i movimenti di lotta che il personaggio poteva fare, con e senza le catene. Sapevamo che Nic avrebbe portato il proprio stile al personaggio ma è stato emozionante, e anche bello avere un ventaglio di mosse di base da avere a disposizione.

Una volta che abbiamo iniziato a lavorare con Nic, ha portato le sue idee e quindi abbiamo cercato di orientare le lotte per soddisfare la sua percezione del personaggio. Abbiamo trascorso qualche giorno a sperimentare alcune movimenti acrobatici, sapevamo che questo film sarebbe stato diverso da tutto quello che la gente ha mai visto fino ad ora. Una volta arrivati al momento delle riprese, ero impegnato anche quando non ero ripreso, venivo coinvolto per mettere in sicurezza Nic. Ho fatto la maggior parte delle riprese con la moto ad alta velocità, quando il personaggio era in movimento, nelle lotte e la maggior parte delle scene d’azione, anche se, come visto nel backstage, Nic giocava a saltare sulla sella in qualche occasione!

Per il fatto che stavi facendo la controfigura per un personaggio come Ghost Rider, hai dovuto indossare delle protesi o è stato tutto un lavoro di CGI ?

[…]Il lavoro di CGI è stato fatto sulla testa ovviamente. Avevo un attrezzatura con una luce fredda a LED che indossavo e che crea dei riflessi tipo fiamme su capi di abbigliamento, sui veicoli, ecc .. Per le scene più pericolose ho indossato un casco di sicurezza e le scene ad alta velocità moto avevo un paio di occhiali di sicurezza per fermare le lacrime e proteggere gli occhi da pietre, o anche da altro. A 100 miglia orarie anche un insetto negli occhi è pericoloso! Nic ha indossato il suo proprio make-up e le lenti a contatto nere come il Rider per aiutarlo a restare nel personaggio dandogli una presenza unica sul set.

Come è stato lavorare a stretto contatto con Nicolas Cage e gli altri ?

Lavorare con Nic è grandioso. E’ super-professionale, è paziente e anche se ha avuto le sue idee sulle scene di combattimento o di azione in generale, ha sempre tenuto in considerazione quello che gli altri dicevano, i registi, il coordinatore degli stunt, addirittura quello che dicevo io! Al di fuori del lavoro poi è fantastico. E’ un grande fan della MMA (disciplina di lotta) e ci siamo guardati la UFC insieme in albergo. Ama anche la sua moto ed è un pilota estremamente competente, abbiamo avuto, in alcuni momenti di pausa, delle discussioni in merito. Lui sa quello che gli piace e ha provato a portare delle idee perverse per qualcuna delle sequenze con la moto.

C’era una grande atmosfera tra il cast e la troupe, in questo film. Siamo stati lontano da casa per un lungo periodo di tempo. Johnny (Whitworth) è un tipo molto divertente con cui uscire. Aveva l’abitudine di presentarmi ogni qualvolta entravamo in un bar – è stato molto imbarazzante. Ha avuto anche idee molto belle su come il suo personaggio doveva essere interpretato e su come doveva essere lo stile di combattimento di Blackout. Tutto il cast era coinvolto quando si giravano le scene d’azione, credo sia una caratteristica nei film di Neveldine / Taylor!

Come è stato lavorare con il duo Neveldine / Taylor ?

Lavorare con loro è stato incredibile! Mi è piaciuto molto l’atmosfera dei film Crank. Erano veloci, pieno di azione e non si prendevano troppo sul serio. E’ stato così bello lavorare con dei registi giovani e interessanti che sono così appassionati e competenti con le scene d’azione. Anche se il film è pieno di scene di dialogo e racconta una storia, a volte è stato proprio come – “Ok, facciamo saltare in aria alcune m***a adesso!” Si ottiene un’atmosfera super gasata che aiuta veramente a mettere insieme le sequenze. Anche il mettersi in mezzo all’azione ha contribuito. Mark Neveldine, che ama tutto della regia, ha uno stile davvero unico e le riprese solo talmente piene di energia che non stava solo dirigendo, stava quasi facendo uno stunt. La sua filosofia è , “se non stai vivendo, stai solo morendo ….” Sono entrambi molto divertenti, sono dei ragazzi spiritosi e divertenti. Lavorerei di nuovo con loro subito.

C’è qualcos’altro che ci puoi raccontare sulle riprese del film ?

Il film non è come gli altri. Abbiamo lavorato in un ambiente molto stimolante. Le giornate erano lunghe e il tempo durante le prove è stato scioccante! Abbiamo trascorso più di una giornata sotto la pioggia, su un campo d’aviazione a provare le sequenze di volo. Siamo stati molto ben accolti ovunque siamo andati, anche se l’accesso a alcune apparecchiature può essere difficile in Europa orientale. Quando è arrivato alla fine, tutti sono stati molto orgogliosi del risultato.

Cosa ci puoi dire del tuo lavoro sul set di Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno ?

Per essere onesto, ho fatto solo un piccola ruolo per questo film. E’ arrivato al momento sbagliato e avevo altri progetti in quel periodo. Avevano una grande squadra di stunt e so che hanno dato molto risalto all’azione. Avere la stessa crew per tutti e tre i film è stato davvero molto intelligente. Chris Nolan è molto chiaro su quello che vuole e si aspetta il 100% da tutta la squadra in ogni momento. Sono d’accordo … il mio modo di lavorare è che è per ogni film non si può ottenere niente di meno che la perfezione.

Ghost Rider: Spirito di Vendetta è il sequel del film del 2007 e basato sul popolare eroe dei fumetti della Marvel. Diretto dal duo Mark Neveldine e Brian Taylor, il film è ambientato anni dopo il primo film con il protagonista (interpretato sempre da Nicolas Cage) autoesiliatosi per impedire la trasformazione nel Ghost Rider. Ma sarà costretto a tornare “in campo” per salvare un bambino…Il film esce il 17 febbraio 2012 negli USA mentre in Italia il 23 Marzo 2012.

Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno è il terzo ed ultimo capitolo della saga dedicata a Batman, il supereroe della Dc Comics, che vede la firma di Christopher Nolan. In questo terzo capitolo l’eroe interpretato da Christian Bale deve affrontare una nuova minaccia, il Bane interpretato da Tom Hardy, la misteriosa Selina Kyle (Anne Hathaway) e fare i conti con la sua vita da “fuggiasco”. Esce a luglio 2012, in Italia a fine agosto 2012.

Articolo a cura di Anthony Stark.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...